martedì 7 luglio 2009

Buon compleanno, Pinocchio!

Il 7 luglio di un po' di tempo fa partiva la pubblicazione di un romanzo d'appendice che avrebbe conquistato per sempre il nostro "immaginario"...
Grazie a "Google Italia", Pinocchio "mi ritorna in mente", tenero, debole, pedagogico e italiano com'è (forse ancor di più)...


Scilla (Italia), 7 luglio 2009

Italiano snaturato! C'è voluta la prima pagina di Google Italia a ricordarmi che iniziava un oggi di più di un secolo ed un ventennio fa la pubblicazione a puntate in appendice al Giornale per bambini di Ferdinando Martini de Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino del fiorentino Carlo Lorenzini detto Collodi.
Ma la mia indegnità patriottico-letteraria non ha confini, visto che non ho mai letto il romanzo in questione, se non in brani antologici in ormai lontanissimi anni scolastici...
Ma ciò non importa poi tanto. Quel che conta è che Pinocchio sia riuscito a vincere il tempo ed a trasmettere il suo messaggio profondamente etico, installandosi nel cosiddetto immaginario collettivo. Valicando le Alpi e traversando il Mediterraneo ma appartenendo profondamente alla cultura italiana.
Si potrebbe dire che Le avventure, come il deamicisiano Cuore, sia una di quelle opere che "presero sul serio" l'invito-appello di Massimo d'Azeglio - che alcune fonti attribuiscono, non a caso, allo stesso Martini del Giornale per bambini sopra citato - di "fare gli italiani", non appena conseguita l'unità e l'indipendenza della Nazione. E per farli non si può non tentare di trasmettere valori sani ed imprescindibili ai più piccoli. Valori di una modernità sorprendente e straordinaria. Il naso che cresce ad ogni menzogna ci ricorda che un bugia o un'omessa verità possono anche darci un vantaggio immediato. Ma nessun vantaggio potrà mai impedirci di provare la sgradevole sensazione d'aver ingannato i nostri educatori o i nostri più cari amici senza contare che la nostra inaffidabilità spesso ci si ritorce contro. Pare, addirittura, che nella prima stesura Collodi facesse morire Pinocchio impiccato per le sue sciaguratezze. Era un'Italia forse civilmente immatura. Ma percepiva forse con maggiore nettezza il confine tra il bene ed il male e si rendeva perfettamente conto che non può esservi vera educazione al bene senza una netta e costante punizione del male. Prevalse in seguito la lettura emendativa, certamente più consona a prestarsi al ruolo di romanzo educativo per i piccoli. Punto in comune con Cuore, poi, è la, appunto, modernissima concezione dell'istruzione come strumento per l'elevazione morale, prima ancora che culturale ed economica, della persona e - conseguentemente - della comunità. L'ultima versione del Sogno Americano, quella incarnata dal presidente Obama, non si rivelerà forse effimera se non verrà data concreta attuazione ai proprositi di riordinazione dello scassato sistema d'istruzione elementare e media gestita dalle autorità pubbliche?
Buon compleanno, Pinocchio!

Giovanni Panuccio
giovannipanuccio.blog@gmail.com

3 commenti:

u nonnu ha detto...

Caro Giovannino,
nenach'io, nella mia ignorantitudine, ho mai letto il libro di Pinocchio.
Ricordo però come fosse ieri, la splendida versione per la tv che risale ai tempi in cui avevo...l'età di Pinocchio.
Il regista era Luigi Comencini, mentre il grande Nino Manfredi era mastro Geppetto.
C'erano poi anche Franco Franchi e Ciccio Ingrassia (il gatto e la volpe) e la fata turchina, interpretata da Gina Lollobrigida.
Condivido le tue considerazioni: la scuola di una volta ti insegnava a distinguere davvero il bene dal male; ciò che era giusto e ciò che era sbagliato; ti insegnava a non oltrepassare mai certi limiti,a riconoscere l'"autorità" dell'insegnante e, soprattutto, a rispettarla.
Oggi questi limiti, questi confini, che caratterizzavano la buona educazione, vengono oltrepassati con disarmante facilità, peggiu ra staccionata ill'olio cuore!
Il risultato è che troppo spesso nelle cronache dei mass media, sentiamo di ragazzini che fanno come gli pare e che, incuranti di tutto e di tutti, vivono di felici (?) illusioni in quel grande "paese dei balocchi" che chiamano modernità.

Favole Per Bambini ha detto...

Proprio per l'occasione il canale YouTube Favole Per Bambini ( www.FavolePerBambini.tv ) ha appena inaugurato la favola di Pinocchio. La serie di 36 puntate, corrispondenti ai 36 capitoli del capolavoro letterario, verranno pubblicate settimanalmente, con spunti divertenti ed istruttivi per i piccoli spettatori ed i loro genitori.

Giovanni Panuccio ha detto...

Viva Pinocchio! Viva FavolePerBambini.tv! :-D